6 Mar 19

Er Verzaccio ci racconta a modo suo i retroscena del voto alle primarie del PD, immaginando come il risultato abbia rotto le uova nel paniere di Renzi.

‘A MANOVRINA

Renzi penzava: “Metto sor Giachetti
eppoi nissuno pija la metà,
accusì – si vince Zingaretti –
in Assemblea co me deve trattà…”
Epperò pe davero s’è fregato:
cor voto l’anno sparpagnoccolato.
COME SE MOVE, SE FURMINA


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento