3 Nov 17

I Farina dicono la loro sul tema dello Ius Soli, con una delle loro articolate metafore in versi.

IUS SOLA

C’è chi fa lo sciopero della fame
pe mette a tavola artri cittadini
e nun importa se ce so i quatrini.
E a me che so de sto paese
me metti a dieta e pago le spese.
Perchè se dalla pila la pasta levi
a me resta l’acqua…
e nun di che nun lo sapevi.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


3 Comments

  • Er verzaccio says:

    LA MORALE
    …sFarinamo quer diritto
    de fa nasce cittadini !
    Chi lo vole, se stia zitto,
    penzamo a li quatrini,
    che co la panza piena
    nissuno ce fa pena…

  • I Farina says:

    Chi cià la panza piena
    Fa er bono e da l’avanzi
    Mentre chi ce l’ha vota
    Se litiga co l’altri poveracci
    La pena te la devi potè permette
    Difficile pe chi cià la fame
    Che se taja a fette

  • Er verzaccio says:

    VONNO LA GUERA
    (TRA POVERI)
    Resta vota la panza !?
    Accusì,”lorsignori”
    nun ce danno speranza
    e tra li peggio cori
    ce dicheno:”Mortacci
    vostri !”,a li poveracci.
    QUARCHIDUNO, ANCORA
    CE CASCA…



Lascia un commento