10 Giu 17

Con la pasquinata di oggi, firmata da I Farina, Pasquino si tira fuori dalle storie di politica e cronaca, per narrarci il punto di vista di chi vive la città di Roma, rimanendo fuori da mode e comportamenti “mainstream”.

Co sto cappuccio che sembra incollato
me difenno da un mondo che m’ha isolato
na città che cià un muro inesistente
che divide gente d’artra gente
cammino pe le strade pe fatti mia
nun do fastidio nun faccio niente
eppure me guardano malamente
tutti belli tutti firmati
de pregiudizi so armati
Perché d’ego so affamati
E io che so niente
resto poco appariscente
perché niente
rumore non fa.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento