2 Giu 17

 

I Farina ci scrivono questi versi romaneschi che rimpiangono i tempi in cui il lavoro dipendente era protetto dall’articolo 18 e la dignità del lavoratore aveva tutt’altra importanza.

QUANNO C’ERA ER 18

Cerco giri de parole pe dillo senza dillo
che se servisse a quarche cosa
in gola c’avrei solo no strillo
Me pagano da schifo e rido ar padrone
e se je gira male passo pure da cojone.
E’ un dolore ormai comune
come er cappio de na fune.
Te strigne in gola te leva er fiato.
Dignità
M’hai abbandonato.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento

  • Nun ce stamo says:

    S. GIOVANNI
    Li “bravi” der Guverno, cor lavoro
    ce vonno fa capì che semo stracci,
    ma me sa tanto che dimani, loro
    se beccano da noi l’accidentacci.
    RESISTERE !
    16/6/17 Nun ce stamo



Lascia un commento