10 Ott 16

dipiazza-regeni

Dopo la scelta del sindaco di Trieste Dipiazza di rimuovere lo striscione “Verità per Giulio Regeni” dalla facciata del municipio della città (adducendo la motivazione di una presunta “assuefazione visiva” dopo tanti mesi), Pasquinotto compone questi versi per bacchettarlo.

REGENI ARIMORE

Er sinnaco triestino
vò fà scordà l’Eggitto?
Fa solo der casino,
per via che nun sta zitto:
se sa che ce s’incazza
quanno parla Dipiazza.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento