4 Feb 16

familyday

Con questa lunga pasquinata, Nun Ce Stamo riassume quanto accaduto durante l’ultimo Family Day al Circo Massimo: tra cifre assurde riguardo le partecipazioni e l’ipocrisia di politici cattolici presenti, pronti a dire agli altri come fare una famiglia, mentre sfasciano la propria.

CIRCO MASSIMO

Ar Circo, du’ mijoni?
‘Sti noti fregnacciari
pijano pe cojoni
li cittadini: “Cari,
ar Circo famo tardi
co li du’ Giovanardi.”

“Ciavemo sor Maurizzio
che se bacia Brunetta
(ciavesse quarche vizzio?)
mentre Galletti jetta
sur mezzo-Padreterno
un pezzo der guverno.

Le moniche, Bagnasco,
Binetti, Formigoni
strillano? Nun ce casco:
si questi so’ li boni,
sarvamo li cattivi,
so’ meno primitivi!

Co l’unioni civili,
quarcuno nun ce pija:
Cirinnà nun li fili,
pe via che la famija
nun è sortanto quella
fatta ‘nde la Cappella.

Certo, che li quatrini
fatti cor Rito Santo
li vonno, ma Casini
che sfascia tutto quanto,
pijano pe l’esempio?
Li casini ner Tempio…

Se sa, mortipricanno
no li pani, li pesci,
ma quelli che ce stanno
ner Circo, tu nun cresci,
spari, ma senza botto:
nun se la famo sotto!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento