28 Gen 16

tronca-papa

Con questa splendida e divertente pasquinata, Er Versaccio ironizza sugli effetti delle dimissioni di Marino: ora improvvisamente a Roma funziona tutto, nessuno si lamenta, le strade non hanno più buche e i bus sono sempre in orario. O forse semplicemente – aggiungiamo noi – in tanti sono contenti di essere tornati all’andazzo di un tempo, con meno bastoni tra le ruote dei loro affari.

L’INDURGENZA PRENARIA

Da quanno che Marino se n’è ito,
le strade s’ariparano da sole,
er busse sta in orario, è pulito,
Berlusca le largazze nun le vole,
l’evasori ripagheno le tasse,
e puro Sgarbi, mo, pare carmasse.

Co l’Anno Santo, vedi, ‘sto guverno
co Tronca, Roma fa miracolata,
pe via che Renzi, mezzo-Padreterno
mo co Verdini prova l’ammucchiata
pe vedé come, sott’er Cuppolone
pole sortì quer Partito-Nazzione.

Abbasta fà er pentito, leccà bene
le curve basse de quer posteriore
che da Rignano fin a Roma viene,
per esse riabbuscato co l’onore
puro si venghi tu, da li Forzisti,
o da quarche sezzione de fascisti.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento