11 Nov 15

acqua-messina

A Messina la rottura dell’acquedotto sta causando giorni e giorni di disservizi presso la popolazione. Mario Rendina fa notare come la vicenda sia arrivata persino tardi (e in tono minore) presso la stampa nazionale. Ma che solo grazie a ciò si è veramente provveduto a una sistemazione rapida della conduttura.

ER TEREMOTO DE MESSINA

Dice che manca l’acqua giù a Messina,
ner senso che se prima lo sciacquone
potevi un giorno usà ogni decina,
annanno ar bagno co’ moderazzione,

adesso si vôi fà ‘na minestrina
la devi fà co’r suco de limone.
Er fatto è che a la solita tossina
de la ‘ndrangheta sempre in piena azzione,

s’è aggiunta la rottura a l’acquedotto
che ha appena combinato ‘n acquazzone.
La ggente sente er fatto e nun fa motto,
poi lo fa vede la televisione.

E allora mo’ er Governo, chiotto chiotto,
se sveja pe’ mannà ‘n vecchio plotone,
ch’era pronto a partì, ma fu interotto,
pe’r teremoto che fu l’occasione,

ner millenovecento, circa, e otto.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento