29 Ott 15

Il sindaco dimissionario Marino fa presente al Procuratore che non ha sostenuto alcuna spesa personale con la carta di credito istituzionale e che le firme poste in calce alle ricevute non sono sue. Mario Rendina riasssume la storia con la solita dose di ironia.

QUESTIONI DE CÔRE

Er chirurgo Marino, lentamente,
ha capito che pe’ governà Roma
ce vo’ quarcuno ben più competente
de chi ce serve pe’ curà ‘n angioma.

Doppo le dimissioni va ‘n Procura,
co’ la bici pe’ esse più coerente,
a dì che manco ‘n ciuffo de verdura,
lui s’è magnato senza pagà gnente.

Dice ar giudice: “C’è ‘na sfumatura
su le firme messe manuarmente
‘n fonno a le ricevute, pe’ chiusura.
Nun so’ le mie, se vede chiaramente.

M’hanno voluto dà ‘na fregatura,
pe’ poi cacciamme da quer posto lì.
Ve dico io qual è la sbavatura:
mancano i côricini su le i”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento