26 Ott 15

lavoriaconcorso

Al Comune di San Remo oltre la metà degli impiegati non entra al lavoro e va a farsi i fatti propri: chi timbra in mutande e ritorna a casa, chi va ad aprire un negozio da un’altra parte, chi va a fare canottaggio, chi timbra per un numero a caso di colleghi. Mario Rendina ironizza amaramente su quest’ennesima vicenda di sperpero dei soldi pubblici.

PARAPONZO PONZO PO’…

Dice che nun è matto e manco sbronzo
er viggile che va co’ le mutanne
a timbrà er cartellino e poi va a zonzo.
Lui abbita lì dentro e tutto tranne

che arzasse a lavorà, faccia da gonzo,
penza de fà, quanno sarà più granne.
Guarda quell’antro fico der bigonzo
che tira der negozzio le seranne

e poi quell’antro, muscoli de bronzo,
che va ‘n canotto a fà le scoribbanne.
E poi quell’antro ancora, manzo manzo
che timbra dieci cartellini, a spanne.

Sa’Remo me sembrava, si ce penzo,
er posto da ‘ndo’ musica s’espanne,
co’r nome da tant’anni sempre intonzo,
assieme co’ li fiori e le ghirlanne.

Adesso è quer Commune ‘ndo’ le canne
se fanno e a lavorà va quarche stronzo.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento