13 Ott 15

marino-valle

Sulle recenti dimissioni del sindaco Marino, Pasquino parla ancora, stavolta per bocca di Mario Rendina, che ripercorre gli errori e i peccati di ingenuità dell’oramai ex Primo Cittadino.

ER VASETTO AVVELENATO

Nun ce sta più seduto ar Campidojo
sto sinnaco venuto da ‘n so dove,
che avenno ‘ncominciato a ajio e ojio,
co’ l’aragoste poi ce fà le prove.

Coi sòrdi nostri, pure da Bergojo,
(Uascintón, Filaderfia oppure artrove),
s’era ‘nfirtrato ‘n mezzo, co’ ‘n imbrojo,
ma er Papa lo scancella e ‘n se commove.

Preso co’r dito ne la marmellata,
ar pupo viè er febbrone a trentanove,
sapenno che la mossa j’è vietata.
Lui invece lecca er dito e nun se smôve:

se serve, je darà ‘na rimboccata.
‘Na vòrta e due e tre, e cinque e nove,
co’ Roma merda come è diventata,
ce manca pure che, sopra ce piove.

E allora, e dieci e venti, ‘na leccata
te la ritrovi poi ch’è avvelenata.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento