27 Ott 15

tangenti-anas005-1000x600

Sul caso della dipendente dell’ANAS accusata  di aver gestito un giro di tangenti sugli appalti, Mario Rendina scrive questa pasquinata romanesca, che termina con un’invocazione tanto severa quanto arrabbiata.

ER GIOCO DE LA DAMA

C’è ‘na tipa, de nome Accroglianò,
ch’a l’ANAS c’ha la borsa sempre aperta.
Si vôi ‘n apparto e la tangente no,
la perdita de tempo se fa certa.

A casa de la mamma, ner comò,
avvortolati dentro ‘na coperta,
c’ha messo dentro quello che se pô,
de sòrdi, appena che sonó l’allerta.

Je dice: “Ah ma’! C’ho qua le medicine
e te le vengo a portà, la vita è breve”
“Bella de mamma, c’ho le candeline
accese a la Madonna de la Neve.

Porta semmai ‘n par d’etti de zucchine”.
Nun je risponne cosí, è assai più greve,
la banda de corotti co’ Meduri,
er sottosegretario che se picca

de posti de lavoro avé sicuri,
ner mentre che la ggente ce se ‘mpicca.
Innarzamo sti ladri sopra i muri,
co’ ‘n palo dentro ar culo che li ficca.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento