31 Ago 15

rai-renzi-vignetta

Il Versacciere mette in versi la politica di Renzi nei confronti della TV pubblica. E riassume il suo giudizio sul premier con due versi netti: “Sgovernante dal SI sempre preteso / e che non vuole più la discussione”.

RAI > ROVINIAMO ASSURDAMENTE ITALIA

Un picciol uomo dal bullismo grande
– d’accordo con Berlusca, caro zio –
l’Italia vuole metter in mutande
credendo di poter, col super-IO,
fare, disfare, provocar casini,
seguendo Gelli, Craxi, Mussolini.

Con la TV così male guidata
sulla base di tale prospettiva,
l’informazione verrà ben dosata
per rendere la gente muta, priva
sia d’anticorpi come di neuroni:
sudditi, schiavi sempre più fresconi.

Sgovernante dal SI sempre preteso
e che non vuole più la discussione.
col Parlamento sempre vilipeso
in cui l’eletto è premi-bottone
e viene dirottato nell’inferno
se non è scendiletto del governo.

Governo? Pura, semplice finzione
con i Ministri che senza potere
(a parte chi può far il ricattone)
sono contorno di cotal messere
che decide col motto; “Viva Renzi”
e vuol applausi, o troppi silenzi

Alli sodali di marca toscana
che vicini gli son magicamente,
pare che voglia – cosa molto strana –
aggiungere puranco certa gente
che con il paravento del consiglio,
l’aiuti a diventar il “tutto piglio”.

Con il normalizzar l’informazione,
in primo luogo la televisiva,
sotto la sigla “Voce del Padrone”
vuol certamente, quindi, che riviva
un Dicastero che non fa pensare:
quello della Cultura Popolare.

La Sanità verrà rifinanziata,
ma solo perché venga – cosa ria –
in qualche manicomio, potenziata
l’operazione di lobotomia
per far vedere solo cose belle
pur a qualcun con l’animo ribelle.

Così, con quest’Italia malridotta,
di servi popolata, col pensiero
ridotto a consistenza di ricotta,
Matteo si mostrerà, su quel destriero
che Silvio gli lasciò, con un tal Licio,
per festeggiar il nostro sacrificio.


Categoria: Italiane in versi

Trackback Uri



Lascia un commento