3 Ago 15

merkel-greece

Al festival wagneriano di Bayreuth, la cancelliera tedesca finisce lunga sotto la sedia sulla quale era seduta. Malore, incidente o… incantamento amoroso? Nei confronti di chi? A chiederselo è Mario Rendina in questa sua ultima pasquinata.

ER SOGNO DE LA MERKEL

Ner mentre ch’er Tristano co’ l’Isotta
a l’Opera la Merkel se gustava,
la sedia a ‘ndo’ che stava je s’è rotta
e a tera tutt’a ‘n botto se schiantava.

La raggione che sta dietro a la botta,
che pe’ poco ‘na cianca ce lasciava,
pô esse ‘n verità ch’è galeotta,
perché ‘n quer punto Isotta se baciava.

E lei stava sognanno Varufaki,
che tutto er tempo l’aveva snobbata,
si pure ‘na giacchetta color caki,
la mejo da vedé, s’era ‘nfilata.

Mo’ nun ce serve d’esse geni o maghi
pe’ ‘ndovinà che a la prossima traggedia
a ‘ndo’ la Grecia se trova ‘ncastrata,
lei invece de cascà giù da la sedia

s’avvinghia a ‘n bronzo greco, ed è appagata.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento