23 Lug 15

referendum-frecia

Continua la pasquinata in tre atti di Mario Rendina sulla crisi greca: questa seconda parte si concentra metaforicamente sui giorni precedenti e immediatamente successivi al referendum.

TRAGGEDIA GRECA

ATTO SECONNO – ER GRECO SOTTO CURA

Avenno er bujardino consurtato,
er greco dice “No, nun me va bbene,
vojo restà così, si pur malato,
che ‘mpasticcamme propio nun me viene.

‘Na cura già l’ho fatta ner passato
e nun è varsa a sollevà le pene.”
Li medici, che vônno che guarisce,
si no attacca la febbre a mezzo monno,

fanno allora ‘na purga che pulisce
la mirza e le budella fino ‘n fonno.
E mentre lui è stracco e nun reagisce,
je vanno tutti attorno a girotónno

e je la fanno beve a garganella.
Uno de quelli che je da l’affonno
commanna a l’antri da ‘na carozzella:
“Si je la fâmo così co’r moribbonno,

si no, eccola qua la rivortella.

***************


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento