19 Mag 15

fornero-lacrime-pensioni

La Corte ha deciso che il blocco delle pensioni oltre un certo ammontare, deciso dal governo Monti, non è costituzionale. L’erogazione del maltolto a tutti gli interessati mette in crisi i già disastrati conti pubblici. Si cerca così una soluzione selettiva, come sembra suggerire ironicamente questa pasquinata di Mario Rendina.

PENZIONE AR TELEFONO

Nun sta bbene co’ la Costituzione
si nun viene ogni anno riaggiustato
quello che uno pija de penzione,
ar costo de la vita, ch’è aumentato.

Questo è l’urtimo scrollo de timone
ar debbito ch’è già fôri mercato.
Er Padoanne cerca soluzione
dietro a l’occhiali, sguardo allucinato:

“Lassàteme pensà, c’ho confusione.
Sto fatto è ‘n cicinino ‘ncasinato.
“Ecco! ‘N sistema – dice – l’ho trovato
che nun presenta manco ‘na lacuna.

Er menzile potrebbe esse bloccato
a chi, marchette ce n’ha quarcheduna
e er contribbuto giusto ‘n’ha versato.
Seconno er detto, ch’er vecchio digiuna,

si da giovine già nun ha sudato.”

Strilla Sarvini, strilla er sinnacato.
La ggente je da retta e se raduna:
“Nun se pô fà, è ‘n diritto meritato”.
Allora sale Renzi su ‘n tribuna

perché er probblema se fa delicato:
“Le strade da percorre so’ più d’una
e noi l’avemo belle che trovate.
Una su tutte, tutti c’accomuna:

“A avé er diritto è chi c’ha la fortuna
de rientrà fra le prime tre chiamate”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento