5 Mag 15

Sui fatti di Milano, riguardanti la contestazione violenta dei cosiddetti “black bloc” anti-Expo, Mario Rendina dice la sua, prendendosela con questo tipo di manifestazioni e di manifestanti, liquidati sostanzialmente come una degenerazione della democrazia.

BLOC & CLOC

Io me so’ rotto propio li cojoni
che ogni vòrta che ce sta ‘n evento
arivano sti stronzi a battajoni,
cappucci in faccia e co’ le giacche a vento.

A dicce “Annate via nun sete bboni.
No Qui, No Qua, No La, No fino a cento”.
E seminanno giù devastazioni,
senza subì nesuno impedimento.

Dice, ma questa è la democrazzia,
che ognuno mo’ pô fà quer che je pare,
ché co’ le armi de la polizzia,
bisognerebbe poi, contà le bare.

Ma tutto questo è solo ipocrisia,
e er concetto de pensà a la resa,
qualunque cosa costi, purchessia,
nun quadra co’r diritto a la difesa.

Da quanno che sto monno è stato in piedi,
p’annà a combatte ‘n male oppure ‘n torto,
nun è la prima cosa che te chiedi
se n’esci fôri vivo oppure morto.

Ma questi so’ tranquilli, come vedi.

Er polizziotto fôri de la porta
ariva e, delicato, fa toc-toc
Dentro, bastoni e spranghe in grande scorta
Dice: “Ma che pe’ caso sei black bloc?”

“La tua visione, aggente, è assai distorta.
Ce sturo lavandini, e fanno cloc”.
E così er ggiorno doppo er gattamorta
te lo ritrovi ‘n mezzo de la piazza

a rompe e spaccà tutto senza intoppo
co’ bombe, spranghe e l’uso de ‘na mazza,
che si je soffi er naso è già de troppo.

Ma guárdala tu mo’ che brutta razza
de leggi che c’avemo. Un ber malloppo
bisogna fanne, e accènne su ‘n cerino

pe’ ridà la giustizzia ar cittadino.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento