29 Apr 15

luci-fori

Mario Rendina celebra l’appena passato Natale di Roma, facendo un parallelo tra l’idea della nuova illuminazione dei Fori Imperiali (firmata dal premio Oscar, Vittorio Storaro, e inaugurata proprio il 21 aprile) e un’altra “luce che manca”: quella della nuova metropolitana romana.

LA LUCE CHE MANCA

Dumila settecento sessantotto
so’ l’anni che quest’anno Roma nostra,
uno de seguito a ‘n antro a fà filotto
l’ha messi che so’ tutti ‘n bella mostra.

Stavòrta però er mejo giandujotto
che ar turista stracco je dimostra,
so’ i Fori illuminati ar modo giusto
come le luci de ‘na granne giostra.

Splenne er Foro de Nerva e quer de Augusto,
se staja la colonna de Trajano,
a dì che ne la pace c’è più gusto,
a dì ch’è bello quello ch’è romano.

L’unico fatto è che lì sotto ai Fori
so’ quasi ormai dumila e settecento
l’anni passati pe’ avanzà i lavori
der vero inaspettato accadimento.

Vedé che tra le luci, a la lontana,
c’è pure l’EMME de metropolitana.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento