7 Apr 15

MASSIMO-DALEMA

Mario Rendina compone questa pasquinata in romanesco per bacchettare D’Alema (invischiato nello scandalo delle tangenti a Ischia), che ora si sveglia a chiedere che le intercettazioni vengano regolamentate.

CORUZZIONE IN BOTTIJA

Ancora ce risemo co’ lo schema
che da ‘na parte c’ha l’imprenditori,
da l’antra c’ha la piaga de l’eczema
de li politici, e ‘n mezzo i mediatori

che, sempre pronti, co’ scaltrezza estrema
fanno girà mazzette, oltre ai favori.
E allora, addietro l’ombra de D’Alema,
‘na coop rossa a Ischia fa lavori,

tra ‘n fior d’arancio e ‘n antro de limone,
come fu ai tempi che contava Craxi,
co’ l’intrallazzi de quer tal Simone
che le tangenti le ammollava maxi.

De sto caso però te fa impressione
vedé ‘n finanziamento congegnato
come ‘n omaggio pe’ ‘na fondazzione
che nun se sa che cazzo s’è sognato

E se ‘ncrocia co’r vino de famija
che parte da’r Salento e va all’insù
dentro dumila e una de bottija.
Ne assaggi una e nun ne bevi più.

Ma ormai piuttosto che restà a l’asciutto
sta ggente apre le canne e ‘ngoja tutto.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento