30 Mar 15

lupi

Mario Rendina ritorna sullo scandalo che ha coinvolto il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e – con esso – il Ministro Lupi.

UN ROLEX NUN SE NEGA A NESUNO

Si te piace ch’er prezzo de ‘n appalto
de quattro vòrte arméno te rimbalza,
pe’ fallo lievità sempre più in alto
passa a l’ufficio der signor Incalza

Che ar ministero de le infrastrutture
è da tempo che balla rumba e salza,
aspettanno a riceve le fatture,
e, pure si gonfiate, nun le scalza.

De tutte le Grandi Opere, neppure
una je resta fôri dar quaderno.
Che sieno tempi allegri oppure cupi
qualunque sia er ministro de governo,

pe’ ‘na ventina d’anni fino a Lupi,
lui resta lì, tiranno da l’interno,
com’ar teatrino, i fili de li pupi.
Tra ‘na busta de sòrdi e ‘n orologgio

(a Lupi er Rolex, e a Di Pietro er Swatch)
tutti attorno je tesseno l’eloggio,
s’attacca a la poltrona co’ lo scotch.
Promette ar lupacchiotto, a Sant’Ambroggio:

“Sta sereno, che ‘n posto te lo do”.
È ‘na quisquilia in mezzo de lo sfoggio,
ma er lupo perde er pelo, er vizzio no.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento