2 Mar 15

piazza-di-spagna-discarica

I tifosi del Feyenoord arrivano a Roma per una partita di Europa League e a farne le spese sono le piazze e le fontane della Capitale. Mario Rendina paragona così i tifosi olandesi alle decine di invasioni subite da Roma nei millenni.

INVASIONI BARBARICHE

Lungo tutti li secoli de storia
sta città n’ha vissute de invasioni,
da rimaneje dentro la memoria!
Quarcuna tosta, senza paragoni,

quarc’antra più vicina a ‘na baldoria.
Ce fu quella dei Galli coi forconi,
che dopo esse passati a la vittoria,
fecero tanto ‘ncazzà Furio Camillo

da falli uscì da Roma a pecoroni.
Poi venne de li Goti spada e strillo,
che ancora te rimbomba ne l’orecchi:
so’ Visigoti o so’ Lanzichenecchi,

uno su l’antro a rompe li cojoni.
Poi vennero antri assalti, e so’ parecchi:
francesi, er Duce e breccia coi cannoni.

Mo’ te basta ‘na squadra d’Anderlecchi
oppure ‘n’antra su, de li Frisoni.
Nessuno che li ferma o li fa secchi,
ma so’ er peggio de tutti li predoni.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento