7 Gen 15

vigili-roma

Dopo Impiccetta ieri, anche Mario Rendina oggi ci parla della notizia degli ultimi giorni, a Roma e non solo: quella dei vigili urbani rimasti a casa la notte di capodanno.

ER VASO TRABBOCCA

3 gennaio 2015

“Nun ce so’ fannulloni né furbetti” –
dicono i viggili – che pe’ fine d’anno,
staveno innanzi a ‘n piatto de spaghetti,
seguenno er vecchio vizzio de l’inganno,

‘nvece de stà ar freddo a denti stretti,
sippure a rischio de beccà ‘n malanno.
Facevano così co’ l’Alemanno
e tutti l’antri sinnaci già eletti.

“Ma adesso basta” – je dice Marino.
L’ha letto su ‘n quaderno de fumetti
che nun pô esse sempre er cittadino

a méttese la mano ne’ ‘a saccoccia.
E adesso è stufo d’esse ‘n burattino,
ner mentre che se danno a la bisboccia.

Co’ le tangenti o co’ lo spumantino
fórze stanno a sorbì l’urtima goccia.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento