2 Dic 14

allattamento

Con la pasquinata di oggi, Mario Rendina ci parla – attraverso al sua solita ironia pungente – del recente scandalo dei pediatri che pubblicizzavano il latte artificiale, dietro compensi delle ditte produttrici.

LATTE ARTIFICIALE

Si ‘na crociera, oppur Sciarme Sceicco
te piaciono che nun ne pôi fà a meno,
te basta dì a ‘na mamma: “Riempi er bricco
e lassa perde er latte dentro ar seno”.

“Er latte artificiale è bello ricco,
quello de mamma ‘nvece sa de fieno
Va bbene pe’ le vacche e l’animali,
o pe’ i pupetti giù ner terzo monno

ch’ai fiji nostri propio nun so’ uguali”.
Dicono certi pediatri – e vanno a fónno
a studià er latte de Mèllin e Nestlè,
e concludenno che, pe’ cresce bionno

co’ l’occhi azzurri, er piccolo bebè,
se deve pijà er latte de Milupa
dentro a ‘na tazza granne da caffè.

È co’r latte maligno de ‘na lupa
che so’ cresciuti, e le mazzette, ahimè.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento



Lascia un commento