18 Nov 14

roma-allagamenti-maltempo-3B-meteo

Dopo la massima allerta che ha vissuto Roma per un paio di giorni di pioggia la scorsa settimana, Mario Rendina torna sull’accaduto con questa pasquinata perfetta, che riepiloga i danni del maltempo, concludendo con una chiusa bellissima e ironica.

CHI AFFOGA E CHI NO

C’arisemo a le solite che piove
a Roma come in tanti d’altri posti.
Ma è molto peggio qui che nun altrove
quanno se tratta de contà li costi.

La metro che s’allaga e nun se môve,
l’aqqua te porta via se nun te scosti,
ogni vòrta a le solite stazzioni,
co’ l’aggiunta de ‘n’antra a fà le prove.

Da Porta Pia se staccheno mattoni,
casca giù er pino detto l’Alberone,
s’engrossa e te straripa er fiume Almone,
pozze e laghi de fango a milïoni.

É chiuso er Colosseo, è chiuso er Foro.
Nun se sa mai che te combina er vento.
So’ pure chiusi i posti de lavoro,
tanto c’è già er quaranta e più per cento

de regazzi a fà gnente a casa loro
pure quanno c’è sole ‘n firmamento.
Ma l’unico a cantà fôri dar coro,
e nun curasse de l’avvenimento,

è er sinnaco che dice ar cittadino:
“Affoghi tu, io sguazzo: so’… marino”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


2 Comments



Lascia un commento