13 Ott 14

tuc trise tari_Ellekappa

In questi giorni i cittadini sono alle prese con l’acconto della TASI. Ma non tutti. Non in tutti i Comuni. Non calcolata con la stessa aliquota. Non con le stesse detrazioni, se ci sono. Migliaia di possibili combinazioni: urge una semplificazione, come fa notare questa pasquinata di Mario Rendina.

SEMPLIFICAZZIONE TRIBBUTARIA

La TARES è ‘na tassa sui rifiuti,
somiglia a TARSU ma nun c’ha la U.
Bbona sorte speramo che c’aiuti
ch’er Comune la tenga un po’ più giù

ché si no, co’ la TASI che a minuti
te ce trovi a discute a tu per tu,
so’ ‘n par de mila l’euri perduti
che ne la tasca nun li trovi più.

E allora, bbello mio, tanti saluti
Te sento già gridà “Gesù Gesù”
quanno de l’IUCCÌ so’ conosciuti
li sòrdi da pagà, da la tivvù.

La TRISE e l’ICI è vero che so’ muti
ma hanno ripreso voce pe’ virtù
de TARI e IMU. E l’ANCI “Benvenuti
– j’ha detto forte – dentro a la tribbù!”.

Renzi vôle che tutti sti tribbuti
so’ tolti via de bbotto dar menù
e uno resti, a chiamallo, ma seduti,
“TARI-TOCCA-PAGÀ- TACI- STAGGIÙ”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento