15 Ott 14

led

Dopo la consegna del Nobel per la Fisica ai tre scienziati che hanno sviluppato i led blu (che generano una luce molto più efficiente ed economica di quella delle lampade a incandescenza o a neon), pare che il sindaco di Roma abbia già un vasto programma per la loro installazione in città. Mario Rendina ci ricama sopra, ipotizzando cosa mostreranno con maggiore chiarezze queste nuove, potenti luci.

L’INVENZIONE DER LEDDE

Adesso ce sta er sinnaco Marino
che a tutta Roma vô ridà la luce
mettenno i ledde pe’ tutto er cammino
che fino a fôri porta ce conduce.

Perché co’r ledde nun è er lumicino
che quer vecchio lampione te produce.
Ce vedi bbene come ner mirino
o come deve fà chi taja e cuce.

E poi senza penzà a la bellezza
de rispammià un macello, co’ sti lumi,
perché co’ loro so’ sei vòrte e mezza
de meno che misuri li conzumi.

E allora sí, c’avremo luce a fiumi
e tutto se vedrà co’ gran chiarezza.
Peccato che vedremo mejo i fumi
e tutti i montarozzi de monnezza.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento