21 Ott 14

regioni

Nel più puro stile pasquinesco, Mario Rendina da vita ad una genuina invettiva in versi. Oggetto della pasquinata, le Regioni, incolpate di essere causa di danni e sprechi.

INVETTIVA

Appena ch’è annunciata la manovra
c’è er solito levasse de li scudi.
Stavòrta a dì lo Stato ch’è ‘na piovra,
che pija tutto e che ce lascia ‘gnudi,

nun so’ li cittadini né l’imprese,
so’ le Reggioni, a modi forti e crudi.
Federalismo come maionese:
si nun sai come fallo, se ‘mpazzisce.

Così è stato. E adesso a fine mese,
emolumenti e gettoni, pe’ ste bisce
de politicanti che, a braccia tese,
‘na mazzetta su ‘n’ antra se spartisce.

Ggente che timbra e pe’ seguì l’andazzo
ar mercato de fronte te sparisce,
antra che va in ufficio a nun fà un cazzo
e, si lo fa, l’appalto te ‘mpedisce.

Premi dati a pregà che più nun piova,
sedi de venti piani: chi pulisce?
er solito favore che ce cova
e, si nun c’è, la cosa te stupisce.

Partecipate ottomila: nun se mova
nesuno che sti zombi li gestisce!
‘Na quantità così che nun se trova
manco ar paese co’ le stelle e strisce.

Spese pazze a gogó, mutanna verde,
vibbratori, sciampagne e mascherate,
er pubblico denaro se disperde
dietro parcelle ben siliconate.

E mentre tutt’intorno er girotónno
va aumentanno de chi er lavoro perde,
io vedo sotto sopra vòlto er monno
che sta a sentì i lamenti de ste merde.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento