9 Ott 14

consulta

Mario Rendina fa il “conto della serva” di quanto può essere costato votare decine di volte per la scelta dei 2 membri “mancanti” della Consulta.

ER CONTO DE NOI SERVI

Prova a far conto de que lo che costa
votà du’ strampalati a la Consurta
de modo che a la fine sia composta
così come a la legge je risurta.

Potresti dì ch’è ‘na fatica tosta,
ché nun è come carcolà la murta
che paghi pe’r divieto de la sosta.
E allora se nun vôi che te se insurta,

pe’ fallo ce vô uno competente.
‘Nvece no, ché si me state attorno,
sto conto se pô fà velocemente.
Mille so’ l’euri che a sti perdiggiorno

je dovemo pagà pe nun fà gnente,
tra stipendi e indennizzi de contorno,
ogni seduta pe’ votà er frangente.
A Roma, a Recanati o su a Livorno,

essendo circa mille a dà er bidone,
mille pe’ mille è dappertutto uguale,
e dappertutto fa venì ‘n milione.
Ma la Consurta resta tale e quale

pe’ venti votazzioni a conclusione.
Così a Livorno, a Roma o a Recanati
so’ venti li milioni sperperati.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento