3 Set 14

sblocca-italia

Renzi prova a smuovere l’economia nazionale con le misure “Sblocca Italia”. Ma le statistiche economiche appena uscite dicono che il Paese è sempre più in crisi: abbiamo dissipato il patrimonio pubblico e ora è difficile trovare la chiave per reagire, come ci ricorda Mario Rendina, con questa sua elaborata metafora in versi romaneschi.

LO SBLOCCO

C’avevo ‘n catenaccio ner portone
de sotto a la cantina de Grisciano
che a aprillo era ‘no sforzo sovrumano
pure pe’ ladri de gran professione.

Er fatto è che dentro de l’arcone
ce stava la farina e ‘n po’ de grano,
un paio de formette de nostrano,
li faciolioni secchi de staggione,
polenta, ‘n po’ de lardo e parmiggiano,
e appeso era er prosciutto e lo zampone.

Un Paese c’avevo che da pe’ tutto
ha fatto girà i ladri senza laccio.
Adesso sto Paese sta ner lutto
ché quelli j’hanno detto: “Sai che faccio?
Io pijo e entro, e ce rubbo de brutto,
poi rimetto da fôri er catenaccio”.
Mo’ lo vônno sbloccà! Passato è er flutto,
e dentro resta solo er carcinaccio.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento