29 Set 14

articolo18

Mario Rendina dice la sua sull’articolo 18, con una pasquinata che fa riflettere sul fatto che il suddetto articolo conti ben 1772 parole e un ginepraio di vincoli.

18 E SPICCI

Parlanno de l’articolo diciotto
bisognerebbe sapé che le parole
usate pe’ descrive tutto er lotto
nun so’ mica sortanto que le sóle

che stanno su una striscia come motto
o se gridano davanti de le scôle.
So’ mille e settecento giù a dirotto
che casomai c’hai un dente che te dôle,
quanno arivi a la fine s’è già rotto.

Si a questo aggiugni que lo che ce vôle
pe’ conosce un po’ er resto de la legge,
te tocca pijà a nolo sei cariole
che una sola certo nun te regge.

È la pacchia de tutti l’avvocati,
dei ggiudici e de l’antri lorsignori,
zzona de caccia de li sinnacati,

e ‘na palude pe’ i lavoratori
Che si se trovano a casa licenziati
nun sapenno che fà, so’ spettatori.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento