20 Ago 14

PasquinoImbavagliato

Pasquinotto fa parlare Pasquino… di se stesso. Il monologo della statua – oggi privata anche della bacheca che fu “istituita” dopo i lavori di restauro – ripercorre gli ultimi anni che l’hanno vista al centro di manovre e manovrine per zittirla. E si conclude con l’invito a ripristinare per lo meno quella bacheca, continuamente vessata da sfregi e furti.

PIAGNEMO TUTTI

So’ Pasquino: li codini
de Berlusca (mo co Renzi)
arifanno più casini,
arimponeno silenzi,
vonno tutti a pecorone,
ner Paese cor fiatone.

A li tempi d’AleDanno,
co la scusa de pulimme
– come che tutti lo sanno –
m’azzittorno. Mo tu, dimme
si ce sta la stessa cosa
pe fa vede tutto rosa.

Tante balle, canti, soni
su TV, radio, giornali….
Epperò, cara Cerioni,
nun me pare che li mali
de na vita tutta racchia
l’arisorve la mordacchia.
ARIVOJO LA BACHECA!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento