5 Ago 14

grasso

La riforma del Senato approda a questo ramo del Parlamento in mezzo a mille difficoltà. Vengono presentati circa 8000 emendamenti ed è subito bagarre. Matteo Rendina ci racconta gli ultimi giorni di lavoro del Senato, con il Presidente Grasso cerca di regolare le zuffe a suon di salta da “canguro”.

LA RIFORMA DER SENATO

L’hanno messo a presiède quei trecento
e passa senatori, er pôro Grasso,
senza preavviso e senza addestramento.
E allora appena che comincia er chiasso

de la riforma dentro er Parlamento,
co’ emendamenti buttati ne l’ammasso,
da ogni parte a propio piacimento,
se da da fà per evità er collasso,

pescanno ‘n mezzo ner regolamento.
Ma come galli da combattimento,
c’è chi se becca e pure chi s’acciuffa,
c’è chi s’azzanna e pure chi s’azzuffa

Chi smània e grida e ar seggio s’attorcija,
chi s’arampica su e poi se tuffa
fino a che tutto quanto è ‘n parapija.

Sta Repubblica qui è ormai la fija,
prima o terza nun so, ma certo buffa,
e nun ce va pe’ gnente de tenélla

Ché quanno che je serve a zompà ‘n muro,
nun pensa de poté fà la gazzella
ma se rifuggia ner salto der canguro.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento