12 Ago 14

2011-Teatro-Valle-Occupato

Dopo la lunga esperienza dell’occupazione, il Teatro Valle va al Comune che lo cederà al Teatro di Roma, impegnatosi a rilanciarlo. Per ora si chiude per lavori e non si sa quando/se si riaprirà. Con questa lunga pasquinata, Grillo Parlante riassume gli intrecci politici dietro la vicenda, cercando le colpe di una storia sporca e assurda.

LA NOTTE DEI DESIDERI

Agosto, so ben perché tante
di stelle dal Valle salenti
non son dal potere distante
gradite… Con mille lamenti,
qualcuno – dall’alte poltrone –
non sa valutar l’occasione.

Col cul molto mal incollato
su rossi velluti pregiati,
distruggon Comuni, lo Stato,
coscienze, perché son legati
ad una carretta del mare
dal triste destin: affondare.

Lo sgombero, servi d’Alfano
lo voglion (ricetta di Gelli)
ma pur in Comune, l’insano
progetto di certi “fratelli”
non è certamente respinto
da qualche renziano convinto.

Attori, registi, le fate
In scena con i fondatori,
qui passano giorni, serate,
creando con mille colori
il vero domani splendente:
non può, ciò finire nel niente!


Categoria: Italiane in versi

Trackback Uri



Lascia un commento