13 Ago 14

Vauro-Italy-China_0

Mario Rendina commenta una notizia apparsa sul Sole 24 Ore di qualche giorno fa, che riportava come la Cina abbia acquisito una quota di circa il 2% in Telecom (dopo quote simili in ENEL, ENI, Fiat, ecc…). Così, dopo aver fagocitato decine e decine di locali e magazzini in molti quartieri di Roma, il dragone si appresta ora a assaggiare anche le grandi imprese italiane.

ER DRAGONE

In Cina, so’ vent’anni e poco più,
li fatti erano già fin troppo chiari.
La notte co’ le torce e co’ li fari,
‘n mezzo a l’imparcature de bambù,

vedevo cresce palazzi, senza gru,
che nun ce credi manco si te spari.
Me dissi: “Qui so’ cazzi propio amari.
Si continua a sto modo, a tu per tu,

così come succede co’ li alieni,
se li trovamo a casa o lì vicino,
pronti a dacce ‘na lettera de sfratto”.

So’ ‘n drago e nun me so’ sbajato affatto.
Doppo Trevi, Testaccio ed Esquilino,
se fanno l’Enel, Telecómme ed Eni.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento