1 Lug 14

Galan-caso-Mose

Galan cerca di tirarsi fuori goffamente dallo scandalo Mose, parlando di “ciclone giudiziario”. Impiccetta lo prende in giro in romanesco.

TEMPO MATTO

Galan, guasi Caimano,
dice: “Nun ne so gnente!
Co ‘sto tempaccio strano,
si vola la tangente
è corpa der ciclone,
nun ce sta coruzione!”
MOSEassente


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento