8 Lug 14

renzi-per-semestre-europeo

Da luglio scatta il tanto sospirato semestre di Presidenza Italiana alla UE. Con un’articolata e assai bella pasquinata romanesca, Mario Rendina fa il punto della situazione economica e politica europea, dalle politiche per l’austerity, fino alle posizioni di Germania e Francia.

SEMESTRE DE PREGHIERA

È arivato quer momento
tanto a lungo sospirato
der previsto appuntamento
ar semestre dedicato.
Nun c’è ansia né sgomento
per un piano rinnovato.
Noi volemo un cambiamento
serio, grosso e motivato.

De l’Europa er fallimento
fin’adesso s’è evitato
a cercà er contenimento
de li debbiti de Stato.
Ma l’austerity è ‘n tormento.
Er sistema s’e ‘ngessato.
Mo’ ce vôle adeguamento
pe’r lavoro a pijà fiato.

Co’ l’industria che riparte
a ridà ‘n po’ de speranza
nun c’è verso nun c’è arte
se se vô riempì la panza.
Rimischiamo ‘n po’ le carte
pe’ ridurre la distanza
dar cinese che in disparte
senza tregua forte avanza.

L’Angelina fa er custode
de li patti origginari
ma s’er grido lei nun ode
qui so’ cazzi arquanto amari.
E si lei de questo gode,
dato er fatto che so’ rari,
noi lassamo stà ste mode
e trovamo artri compari.

Chi ce sta bene a la grande
(de l’altezza nun ce frega)
é de Francia quer d’Hollande
che lo sgaro nun ce nega.
E si er debbito s’espande
lo tajamo co’ ‘na sega
evitando le domande
C’é Francesco che ce prega.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento