2 Lug 14

vendola

Una vera diaspora, quella che sta toccando deputati e senatori di SEL, attratti dalle sirene del PD, partito forte dopo l’ultimo risultato elettorale. Mario Rendina la racconta così, soffermandosi su un Vendola rimasto quasi solo.

S.EL: SENZA ELETTI

Sur vóto de li ottanta in busta paga
s’è consumata l’urtima battaja.
Doppo la discussione, arquanto vaga,
de l’assemblea che dice che nun sbaja

e decide de stà a l’opposizione,
er gruppo Selle ar fine t’ha approvato,
co’ du’ nummeri de scarto in votazione,
er decreto ch’è tanto contestato.

Da quer momento nun s’è più fermato
er giro de deputati e senatori
che er posto der partito hanno lasciato
cercanno de trovà posti mijori.

Ma er capo resta lì e nun se smove.
Dice che nun è sempre rose e fiori,
che la vita te chiede nôve prove
e che li aspetta quanno éscheno fôri.

Sur simbolo, me sa, tra poco sventola
da’ n lato Nicky e da quel’antro Vendola.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento