23 Lug 14

volo-abbattuto

Per gli amari versi odierni, Mario Rendina scomoda Savonarola (suoi il titolo e i versi finali della pasquinata). Il tema di queste rime romanesche è il fatto di cronaca legato all’abbattimento, sui cieli ucraini, dell’aereo di linea malese, partito da Amsterdam e diretto a Kuala Lumpur con 298 persone a bordo.

RUINA MUNDI

Chissà si pure oggi nun c’avemo
‘n’antra notizzia nostra più importante
da mette sur ggiornale, come temo
Presempio, quer politico è ‘n furfante.

La notizzia ch’ariva, ed è allarmante,
è che ‘n aereo sette sette sette
che de persone ne portava tante,
é stato messo giù co’ le saette

‘n se sa bbene da chi, nemmanco quante.
Ottanta regazzini, er resto mancia,
morti ner celo tutti in un istante,
che se Kiévve da Putine se sgancia
nun ce vedono gnente d’eccitante.

Sto monno sta marcianno a la rovina,
che ogni ggiorno ‘na violenza nasce.
Felice ormai chi vive de rapina,
e chi de l’altrui sangue più se pasce.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento