24 Lug 14

Concordia: tecnici, nessuna forma visibile inquinamento

In questi ultimi giorni, la Costa Concordia è stata finalmente posta in condizioni di galleggiare per essere avviata al porto di Genova per la demolizione. Con questi versi al limite tra la poesia e la preghiera, Mario Rendina prova a dare una mano per tracciare il suo ultimo cammino, al posto del suo indegno capitano.

L’ULTIMA ROTTA

Madre Maria e de Misericordia
aiútace a scordà quella sconfitta,
aiútace a vedé che la Concordia
sur mare nostro torna a restà dritta.

Nun serve tanto, basta ‘n po’ de tempo
che serve pe’ salí de quarche mijo,
pur se lenta ma senza contrattempo,
lascianno dietro l’isola der Gijo

E venenno più su verso Piombino,
giranno a destra poi prima ch’appaia,
no da lontano ma manco da vicino,
la Gorgona, lí appresso a la Capraia.

Me raccomanno senza arcun inchino,
seguenno poi de Chiavari la baia,
finisce de lí a poco er tuo cammino
Vai! È sicuro, è come ‘na rotaia.
Nun so’ pilota ma mejo de Schettino.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento