13 Lug 14

mondiali-papi

La lunga e ilare pasquinata di oggi, a firma Pasquinotto, non poteva che vertere sul tema del giorno, ovvero la finale dei Mondiali, con relativo “derby in Vaticano” tra papa e papa emerito.

DU’ PAPI COR PALLONE

Berzebbù, mo dar Brasile
‘ndove che resta scornato
co la samba ner gricile,
epperò s’è vennicato
co la guera tra Francesco
e Ratzì, Papa tedesco.

Pare che ner Vaticano
già ce so’ le baricate:
co quer tifo soprumano,
vedi moniche, beccate
a strillà: “Germania granne!”
sventolanno le mutanne.

Pe Francesco, a l’incontrario,
ce so’ tanti fratelloni
co quer saio prolettario,
che je fanno: “Me cojoni…
L’Argentina, cor pallone,
mo ve mette a pecorone!”

Se B XVI ce mette
li cannoni, l’arioprani,
l’antro Papa fa: “Permette?
Semo qua, boni cristiani,
epperò co l’esorcisti,
ve faremo tutti pisti!”

“Aridatece Baffetto!”
fanno certi cosi crucchi,
la capoccia ne l’ermetto.
L’argentini: “Niente trucchi,
pe via che mo ve le sona
Messi, novo Maradona!”

Ma nun basta: li conventi
cianno tutti pitturati,
li patrassi so’ contenti,
li pittori so pagati,
nun ce so’ buche, casino…
(c’è Francesco, no Marino).

Accusì, ‘sto panorama
prima de que la partita
mezzo monno t’arichiama:
a domenica finita,
se saprà chi fa miracoli
o si vincheno l’oracoli.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento