3 Lug 14

la-delusione-azzurra

Con questa lunga pasquinata in romanesco, Er Versacciere commenta l’eliminazione dell’Italia dai Mondiali, mescolando calcio e politica, in toni decisamente umoristici.

CIAO, CIAO…

Appresso de Gasparri que lo strillo
pe la vittoria scema su l’ingresi,
che voi penzà? Si nun sta bene dillo,
epperò lo scrivemo: cianno stesi,
pe via che quer Partito porta jella
da quanno Sirvio vole fa la stella…

Nun ciammancava propio sor Maurizzio
co la capoccia sempre ritardata
(da quanno nasce, cià ‘sto brutto vizzio,
guasi fijo de ‘na granne sgrullata)
d’arzà ‘sto porverone d’aria nera,
credenno d’avé vinto già la guera.

Si stanno zitti, tutto va p’er mejo,
ma co la voce loro der padrone
(cavajere più su de Marc’Urejo)
ce vonno cucinà quer porpettone
che pe davero, quanno l’ai magnato,
te fa contento, sì, ma cojonato.

L’Itaja tutta, que la pallonara,
mo sta maluccio, vero? Si ce penzi
nun ponno più pe strada fa caciara,
e guasi piagne puro Matteo Renzi
che co Prandelli (bell’idea,…toscana?)
in foto se magnava ‘na banana.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento