29 Lug 14

concordia2_640

Mario Rendina riflette sul destino ormai compiuto della Costa Concordia, arrivata al porto di Genova per essere smembrata, mentre il suo indegno ex comandante Schettino è integro e fiammante in giro per le isole italiane.

BALENA, ADDIO

Morente, écchila qua, balena bianca,
ferita ne la panza e ne l’orgojo
arivata su a Genova ch’è stanca,
la Concordia, co’ tutto er suo convojo.

S’arena e molla tutta la fatica
E resta sola, lontana da li mari
Senza ‘no scopo, senza più ‘n’amica
aricordanno li momenti amari

De quanno che nôtava e annava dritta,
ché l’omo nun l’aveva abbindolata:
nun aveva subbíto la sconfitta
d’esse contro ‘no scojo spiaccicata.

‘N omo tutt’abbronzato e ripulito
che, doppo avella portata a l’agonia,
va ‘n giro co’ ‘na faccia da ‘mpunito
e te ripete: “La colpa nun è mia”.

Quant’è forte l’umana presunzione
che tutto se po’ fà, tutto è permesso
senza accettà la sóla condizione
d’esse disposto a dí: “Mo’ me confesso”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento