29 Giu 14

altan-decrescita-felice

In questa domenica riceviamo e “volentieri pubblichiamo”, i versi romaneschi che ci invia un nuovo autore, che si firma Aldo. La pasquinata non ha nulla di politico e si discosta quindi dalla linea del nostro Pasquino, ma non per questo è meno divertente: la storiella di questo arzillo personaggio è infatti tutta da leggere.

SE PO’ FA’…

Mi’ nipote me strilla, è giuvenotto,
me dice de lassà perde le donne:
“Aricordete che oramai sei boccetto,
nun le cercà, si vedi belle donne.
In fonno, vorei sapé che j’aricconti
si la parte più bella l’ai perduta,
si tante vorte ne trovassi una
che co te ce volesse fa la prova?”
Ce lo so che so’ arivato ar capolinea,
ma ancora me piace giocacce, co le donne
e si lei m’invita, senza invidia,
io j’arisponno che so’ pronto…
Sai che je dico? Mo’ te piacerebbe,
ma mica te la do, ‘sta soddisfazzione…


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento