18 Giu 14

renzi_vietnam

Con questi comici versi, Mario Rendina racconta il viaggio di Matteo Renzi in Asia (pianificato per sviluppare i rapporti commerciali e spingere il Made in Italy). Ma cosa ritroverà il Presidente del Consiglio al ritorno in Italia?

RENZI LÌ, LADRONI QUA

È annato a sbatte lì fin’a Sciangai
er Renzi indaffarato nazzionale
lascianno stà pe’ ‘n attimo li guai
e tutto quanto quello che va male.

E nun sapenno gnente de ping pong,
s’attacca ar trucco, manco origginale,
imcontrannose co’r sinnaco Yang Xiong,
de bbutta llà ‘n commento sur Mondiale,

ner mezzo de ‘n accordo propio strong
pe’ fà salì lo scambio commerciale.
Nun perde tempo come fa Marino,
che ‘n sa fà artro che guidà li gay

e córe subbito doppo su a Pechino
pe’ rimediá ancora ‘n po’ de sghei.
E incontra er Presidente che è Xijinping,
ar quale che però je da der lei,
pe’ via che lui è er Capo de li Ming.

Poi, senza manco sapè come se fa,
arisale deciso sopra er ring
e s’accorda cor sito Alibabà,
che c’ha er commercio webbe pe’ le mani.

Deve solo sta attento che domani,
quanno rientra co’ tutte ste occasioni,
nun s’aritrovi qua, tra li paesani,
li soliti quaranta e più ladroni.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento