10 Giu 14

fq-mose-acque

Mario Rendina ci parla dello scandalo sugli appalti del Mose di Venezia, mescolando sacro e profano, Bibbia e cronaca: ne esce una pasquinata assai divertente, veramente da non perdere.

MOSE & MOSÉ

Ner mentre che Mosè sur monte stava
pe’ poté beccá i comannamenti,
ché a valle er cellulare nun pijava,
er popolo lì sotto co’ li armenti
doppo quaranta ggiorni s’annoiava.

E allora che te fa, dice ad Aronne
de costruì ‘n vitello tutto d’oro
che messo su un supporto de colonne
je se potesse dì: “Come t’adoro!”

Io mo’ me so’ più vòrte domandato,
a parte un po’ de fédi de le donne,
‘ndo’ avessero tant’oro aggranellato.

Stessa domanda se la fa Galanne,
che mentre er Mose ritarda che so’ anni
e Venezzia te rischia d’annà ‘n panne,
vualà! nun ce so’ trucchi e manco inganni

te cala su l’appalti co’ le zzanne
e d’oro se riveste tutti i panni.
Mosè scenne dar monte e er toro spacca
Lui su le spalle pijerà ‘na pacca.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento