13 Giu 14

scuole

Secondo un’indagine del Censis circa il 60% degli edifici scolastici ha problemi agli impianti e migliaia hanno problemi strutturali. Mario Rendina compone questi versi romaneschi, assai belli e amari, per ricordarci di un tema che da decenni non è mai uscito dall’attualità.

MOLLA ROTTA

Quanno annavo a le scôle elementari
e pe’ le strade c’era neve e ggelo
er maestro pregava i volontari
(ma tutti lo facevano co’ zzelo)

de portasse da casa ‘n po’ de legna
da mette ne la stufa a carbonella
Lo Stato – ce diceva – nun c’assegna
li sòrdi p’evità la tremarella.

Doppo tant’anni passati d’abbonnanza,
un nummero stragrande de le scôle
è costretto a ballà la stessa danza
Nun é questione de verde o de viole.

Er tetto è rotto o l’aula nun se scalla,
nun c’è la luce o er muro te se scolla,
oppure, per avè ‘mbrojato a falla,
a la prima scossetta pija e crolla.

Sarà ‘n probblema quello de stà a galla
E ancora più, ricaricà la molla.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento