5 Giu 14

pd

Mario Rendina prova a riassumere i risultati delle ultime Europee, partendo da Grillo e dai Cinque Stelle, per arrivare alla Lega e poi alle formazioni minori del centrodestra: ce n’è per tutti, l’ironia romanesca è servita.

ME S’ARZA RENZI

E finarmente Renzi je l’ha fatta
pijanno vóti un po’ a destra e a manca,
segnanno de’ grillini la disfatta,
e facennoje arzà bandiera bianca.

É come quanno vedi co’ stupore
che ‘n cinque stelle, piscina, e resto appresso,
è diventato de botto albergo a ore
e te domanni che sarà successo.

La Lega co’ Sarvini se difenne
E assieme co’ la conta dei barconi
fa quella de li vóti co’ Le Penne,
così che so’ più grossi li maroni.

Arfano ha fatto notte a fasse vento
pe’ vedè si la sojia è superata
e quanno ha visto er quatto avanti ar cento
ha acceso ‘n cero pe’ l’Addolorata.

Scerta civica e li ex de Giannino
nun fanno certo parte de la festa
Se so’ ridotti propio al lumicino
come Fratelli d’Itallia, che s’è desta.
E ha capito che, si fame bussa,
‘n so’ più tempi de barba de La Russa.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento

  • stefania says:

    Cinque stelle magari è sceso a quattro, ma la barba de La Russa ormai è bella che rasata! Il cero di Alfano è il top . Bravo



Lascia un commento