25 Giu 14

angelino_alfano

Dopo quattro anni di indagini, sbuca fuori finalmente il presunto assassino di Yara. Alfano commenta il successo affermando che “l’Italia è un paese dove chi uccide e chi delinque viene arrestato e finisce in galera”. Mario Rendina commenta con questa splendida pasquinata, molto metaforica, le parole del Ministro, concludendo con due versi che da soli meritano la lettura.

CHI SÌ, CHI NO

Meno male che c’è er ministro Arfano
a ricordacce che noi semo ‘n Paese
ando’ chi ammazza nun pô annà lontano
e va ‘n galera a ripagà le spese.

L’ha detto l’antro giorno ché de Yara
hanno beccato chi l’ha fatta secca,
doppo quattr’anni de ‘na bella gara
cercanno er dienneà che c’ha la pecca.

Er fatto è che propio nun me pare
che a fà la stessa fine so’ ‘n po’ tutti
li delinquenti de cattivo affare
che vanno ‘n giro a seminà li lutti.

So’ senza nomi i colpi de lupare
so’ senza nomi l’autori de le straggi
so’ tutti fôri tanti personaggi
co’ l’avvocati da l’idee più chiare.
É che pe’ riccoje l’uva da la vigna
ogni vòrta ce vo’ la stessa tigna.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento