17 Giu 14

giancarlo-galan

Mario Rendina commenta l’ennesimo caso di “casa scesa dal cielo”: dopo Scajola, tocca ora a Galan. L’occupazione più comune e meglio riuscita dei nostri politici sembra essere quella di accaparrarsi una casa, la più prestigiosa possibile, a costo zero.

CASE & FOGNE

Tra le cose più care a l’italliani
ce sta la casa, come tutti sanno.
Comprata o costruita co’ le mani,
je rappresenta er primo grosso affanno.

De tanti tipi, de tutte le misure,
D’annà ar lavoro in treno oppure in bici,
n’po’ a la bbona o co’ le finiture,
ognuna è messa su coi sacrifici.

Ce sta solo ‘na classe de persone
che se la trova senza seccature.
Mettono ‘n mezzo le controfigure
pe’ pagà du’ sòrdi de piggione

quarcuno gliela paga a l’insaputa
mentre che sta facenno colazione,
quarcun’antro l’ha bell’e ricevuta
p’avè svolto ‘na controprestazione.
A un artro ‘na villetta mo’ je tocca
si no l’appalto pija e te lo blocca.

C’è ‘n sistema pe’ toje ste lordure:
prima de l’urne fa ‘na selezione
e scaccià i sorci ne le fognature.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento