3 Mag 14

santa-croce

A partire dal geniale titolo, fino all’irriverente finale, questa pasquinata di Mario Rendina è tutta un ironico richiamo contro i fanatismi che spesso accompagnano le feste religiose. I versi romaneschi prendono spunto da fatti di cronaca: durante i lavori per la preparazione della festa della Santa Croce, a Vibo Valentia nel 2004, una croce di ferro cadde in testa ad una signora fracassandole il cranio. Più recentemente, proprio due giorni prima dalla santificazione di papa Wojtyla, una croce con la sua immagine, portata in processione, è caduta e ha ucciso un fedele.

TESTA O CROCE

Pe’ fortuna, anni fa, io lì nun c’ero
ner mezzo de la piazza ch’era in festa
quanno ‘na croce de tre metri in fèro
cadde su una spaccannoje la testa.

Er fatto poi, sia detto sottovoce,
successe propio durante li lavori
pe’ preparà la Festa de la Croce.
Saremo tutti quanti peccatori

oppure è solo ‘na coincidenza
ma mo’ mentre la ggente fa la fila
aspettanno co’ tanto de pazienza
la santificazione de Voitila,

a ‘n’antro posto, annando in processione,
‘na croce co’ sto papa in evidenza
te casca addosso a ‘n gruppo de persone,
e un giovine de vita resta senza.

Dico: “Gesù! Ma fatte dà ‘na mano
a scenne da la croce un po’ più piano!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento

  • Daniele says:

    Tre so’ il chiodi ficcati ar legno duro
    quattro co’ quello pe’ tenesse ar muro.
    Ma quando era crocifisso se ficca ner terreno
    er Golgota je devi fa pe’ terrapieno.
    Sennó ar primo colpo de vento ‘n po’ veloce
    Scene sì Cristo, ma appresso c’è la croce.
    Perciò ‘ngegne’ che studi tanti i pesi
    vedi si ste croci co’ sti cristi appesi
    le poi ficca’ mejo, meno artigianale,
    perchė la prima, quella originale,
    ha retto un peso davero più importante
    che ha retto ne’ la storia in ogni istante.



Lascia un commento